Otite cane: cause, predisposizione, sintomi, cura, prevenzione e pulizia

Benvenuto. 

In questo articolo dal titolo “otite cane” parleremo dei sintomi, delle cause, delle tipologie , della cura e della prevenzione dell’otite nel cane. Saper interpretare il linguaggio dei nostri migliori amici è oggi di fondamentale importanza per poterli educare e curare nel migliore dei modi. Infatti loro cercano sempre di comunicare con noi specie quando soffrono di mal di orecchie. Quotidianamente i nostri cani ci mostrano dei segni importanti ed evidenti che magari possono passare inosservati per i padroni meno esperti.

Non preoccuparti!  

Continuando a leggere il nostro articolo scoprirai i sintomi dell’otite nel cane e tanto altro ancora.

Buona Navigazione.

Otite cane: le cause e le razze predisposte.

L’otite del cane è un infiammazione del condotto uditivo, spesso accompagnata da un infezione che causa prurito, dolore, problemi di udito e di equilibrio.

Le cause dell’otite canina sono varie: colpo di freddo, esposizione all’acqua, accumulo di cerume o di peli, introduzione di corpi estranei (come i fora sacchi) che possono perforare i timpani,  oppure dalla contaminazione di microorganismi che possono provocare infezioni (come muffe e batteri).

L’otite nel cane è un problema abbastanza frequente e in particolar modo colpisce determinate razze (come il cocker spaniel, il beagle, il barboncino e il basset hound). Infatti queste razze sono maggiormente esposte rispetto ad altre a causa delle orecchie lunghe e pendenti e della presenza  di  molto pelo all’interno del padiglione auricolare.

Otite nel cane: Sintomi.

otite cane
i sintomi dell’otite nel cane

Non è difficile notare i sintomi di un’otite nel cane.

Solitamente può essere  individuata osservando il padiglione auricolare e il condotto uditivo. Infatti questi spesso risultano rossi e infiammati , vi è formazione di materiale marrone scuro che tende a fuoriuscire dal condotto uditivo ed emanano un odore sgradevole.

Inoltre basta osservare il comportamento del proprio cane, infatti in presenza di otite il cane si gratta l’orecchio violentemente causandosi anche delle lesioni e in casi più estremi può capitare che il cane cammini chinando la testa su un lato. Questo succede sopratutto quando l’ infiammazione dell’orecchio del cane è provocata dalla presenza di corpi estranei all’interno del condotto uditivo.

Otite nel cane: tipologie.

L’otite nel cane è  classificate in tre forme distinte a seconda della parte dell’orecchio interessata:

  • otite esterna
  •  otite media
  • otite interna

L’otite media e quella esterna possono provocare nel cane perdita di udito, invece le affezioni dell’orecchio interno provocano anche perdita di equilibrio e percezione spaziale alterata.

Nei casi più gravi, il cane ha difficoltà a camminare diritto e sbatte spesso la testa. Questi sintomi sono molto comuni nel caso di introduzione di un corpo estraneo nell’orecchio.

Otite cane: cura e trattamento

Normalmente le otiti nel cane si possono curare facilmente ma in tanti casi bisogna combatterle per lunghi periodi perché  spesso danno luogo a possibili recidive.

Nel caso di semplici infiammazioni dovute alla formazione di cerume si può intervenire con Detergente auricolare alla clorexidina. Personalmente consiglio di comprare la fantastica soluzione auricolare  Otodine della ICF . Diversamente in caso di infezioni, il veterinario  prescriverà la somministrazione di antibiotico e cortisone, sempre sotto forma di gocce da inserire nell’orecchio.

 Otiti del cane: come prevenirle

Per prevenire l’ otite del cane , specie nelle razze predisposte è fondamentale estirpare i peli interni e attuare una pulizia quotidiana del padiglione esterno delle orecchie in modo da tenerle sempre asciutte e pulite.

La pulizia può avvenire con una garza  imbevuta con olio di lino o con soluzioni detergenti alla clorexidina tipo Otodine della ICF.

Quando si lava il cane, bisogna asciugare per prima cosa le orecchie, evitando il più possibile che entri acqua o che esse rimangano a lungo umide.

Se avete una razza predisposta alle otiti, è fondamentale abituare già da cucciolo il cane alla pulizia delle orecchie. In questo modo sarà meno critico curare l’otite nel caso si presenti.

Come pulire le orecchie al cane

pCome pulire le orecchie al cane
Pulire le orecchie al cane

Come strappare i peli dalle orecchie del cane

Prima di pulire le orecchie al tuo cane verifica che non vi siano dei peli all’interno, questi a volte possono essere scuri e maleodoranti. Soprattutto Maltesi, Barboncini e altri  cani di piccola taglia presentano una fitta peluria dentro le orecchie, luogo ottimale per la formazione  di germi e batteri. Questi piccoli peli non fanno areare bene il condotto uditivo, quindi consiglio ai loro padroni di strapparli; Essi sono facili da rimuovere mediante pinzette o con le dita.
Ti consiglio di strapparli con forza ma a piccoli ciuffi. Non preoccuparti per il tuo cane, non sentirà il minimo dolore essendo pelo morto.
Prima di estirpare i peli dalle orecchie del tuo cane puoi usare la polvere auricolare, questa polvere è usata molto dai toelettatori professionisti perché facilita la rimozione del pelo e del cerume dalle orecchie dei cani.
 La polvere per la pulizia delle orecchie del cane è facile da utilizzare: si sparge una piccola quantità di prodotto dentro l’orecchio, sui peli da togliere e si lascia agire qualche secondo prima di procedere con la rimozione.

Pulizia delle orecchie del cane

Pulire le orecchie al cane è anche un modo per controllare la salute del nostro migliore amico, verificare la presenza di parassiti e prevenire o contenere eventuali formazioni di cerume e otiti.
Purtroppo non tutti sanno che il condotto uditivo del cane presenta caratteristiche ottimali per la formazione di alcuni funghi (come la Malassezia) e per l’insediamento di materiale estraneo (come i forasacchi),
inoltre nei mesi più caldi è solito trovare zecche attaccate vicino alle orecchie dei cani.
Per tutti questi motivi ti consiglio di pulire e tenere sotto controllo le orecchie del tuo cane almeno una volta a settimana.
Per pulire le orecchie al cane ti consiglio di inumidire un batuffolo di cotone o una garza con una soluzione alla clorexidina come la soluzione auricolare Otodine della ICF specifica per la pulizia delle orecchie dei cani in modo tale da asportare il cerume nei punti più ostili, disinfettare e ridurre la carica batterica. Infine per deodorare puoi aiutarti con  una salvietta umidificata.
Una volta al mese sarebbe opportuno fare dei lavaggi con prodotti simili al clorexyderm oto.
Bastano alcune gocce di prodotto da immettere nel canale uditivo, massaggiare la zona dietro l’orecchio per far sciogliere e staccare il cerume formatosi ed eliminarlo con una garza.
Durante il lavaggio dei condotti uditivi il cane si scuote facendo fuoriuscire il liquido e il cerume,
quindi ti consiglio di fare queste applicazioni mentre fai al tuo cane il  bagno mensile.
Pulire le orecchie al cane non è un operazione difficile e costosa,
puoi farlo anche tu da casa e il tuo amico cane te ne sarà grato.

Di seguito condivido il video della bravissima veterinaria Silvia Cattani su come pulire le orecchie del cane.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto.

Visita anche la nostra pagina su come scegliere i  nomi per cani

2 commenti su “Otite cane: cause, predisposizione, sintomi, cura, prevenzione e pulizia

  1. I’ve been surfing on-line greater than 3 hours lately, yet I by no
    means discovered any intreresting article like yours.
    It is lovely price enough for me. In my view, iff all site owners
    and blogger made good content material as you did, the internbet will be much more useful than ever
    before.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *